domenica 11 settembre 2016

UNA INTERESSANTE INIZIATIVA




Fino al 18 settembre 2016 sarà visibile a Pistoia la mostra dedicata alle vignette che hanno per tema la Storia Partigiana redatte sia durante che immediatamente dopo la guerra pubblicate sulle varie testate specializzate, mostra ubicata nei locali del Palazzo Comunale. Oltre ai fumetti sono mostrati video contenenti interviste a protagonisti della Resistenza e filmati d'epoca che è possibile acquistare in DVD. In questi video si parla anche della Formazione XI Zona e delle sue zone operative sia della provincia di Pistoia che della provincia di Lucca.

sabato 10 settembre 2016

PISTOIA RICORDA MANRICO

In occasione delle celebrazioni  per la ricorrenza della Liberazione di Pistoia, il Sindaco, parlando degli Eroi della Resistenza non ha mancato di citare anche "Pippo", così come riportato nel seguente articolo de "LA NAZIONE" del 9 settembre 2016.



lunedì 5 settembre 2016

RICORDANDO “PIPPO”





Da poco tempo è trascorso un nuovo anniversario della morte del Comandante Partigiano dell’XI Zona “Pippo” come sempre (ma ormai ci siamo abituati) nell’assoluta noncuranza delle istituzioni. Tra poco invece ricorrerà l’anniversario della nascita, nella fatidica data dell’11 settembre, mese che peraltro è al centro di numerosi festeggiamenti locali in quanto ricorre l’anniversario della liberazione di città quali Pistoia e Lucca. Eravamo già preparati e rassegnati a registrare un nuovo silenzio su questo incredibile personaggio volutamente tenuto al di fuori di qualsiasi celebrazione, appare invece una notizia fuori dal coro a costatazione di come invece ancora molte persone, anche giovani che in teoria non hanno avuto modo di sentir parlare di “Pippo”, continuino a ricordarlo e a celebrare i suoi anniversari. E’ pertanto con riconoscenza che prendiamo ad esempio di ciò quanto è stato scritto da Paolo Marzi proprio in questi giorni nel suo articolo pubblicato al seguente link:




mercoledì 8 giugno 2016

UNA GRADITA SORPRESA




Inaspettato questo grazioso video a cura di "Frammenti di Memoria" che racconta la Storia di Pippo illustrandola sapientemente con immagini d'epoca molte delle quali attinte dal nostro sito. Auspichiamo che sia solo la prima di altre iniziative analoghe che possano così fissare meglio nella memoria delle nuove generazioni gli eventi e i protagonisti di quel periodo.


 

mercoledì 23 settembre 2015

RICORDANDO LA GRANDE GUERRA




In questi giorni si stanno moltiplicando le iniziative di commemorazione della Grande Guerra di cui si ricorda il centenario. Nel nostro piccolo anche noi vogliamo contribuire ricordando la figura di Fernando Ducceschi, padre del Comandante Partigiano Manrico “Pippo”, che fu Sergente dell’Aeronautica Italiana  e successivamente decorato per il valore dimostrato.





- Tutti i diritti riservati -


 


martedì 15 settembre 2015

PROFONDO ROSSO – IL MUSEO CHE NON C’E’ PARTE 2


Approfondendo la curiosa questione del Museo già accennata precedentemente apprendiamo con sconforto che, se da una parte si festeggiano quest’anno i 70 anni della Liberazione, c’è chi ha preso molto alla lettera quest’ultima parola e così il 12 gennaio scorso, ha deciso di liberarsi definitivamente del Museo della Liberazione. Costui altri non è che il Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Pisa, nonché Assessore alla Cultura. Ma evidentemente allineato a coloro (ex Direttore dell’Istituto Storico docet) che pensano che la Resistenza sia esclusivamente di una ben nota matrice politica ed ha deciso pertanto di far cadere nell’oblio un Museo che certo non manca di visitatori, lo stesso oblio che, per identico motivo, da molti anni avvolge anche la figura del Comandante “Pippo”, dimenticato sin da subito dalle istituzioni nazionali e successivamente anche da quelle locali.

Ad ogni modo, per amor di cronaca e per completezza dell’informazione riportiamo la genesi della vicenda.


Da “La Gazzetta di Lucca” del 13 gennaio 2015


Museo della Liberazione: vince la politica?

di Silvia Toniolo

Una caffetteria con un bookshop al posto del Museo della Liberazione? Una mossa del sindaco nonché assessore alla cultura Tambellini per raggiungere, nell'ottica di riqualificazione del Must, quel fatidico pareggio di bilancio o, semplicemente, allergia al fazzoletto bianco?

I rapporti, tesissimi, da sempre intercorsi tra la giunta di centrosinistra e l'associazione Amici del Museo della Liberazione fanno propendere per la seconda ipotesi. Quale sarebbe infatti il senso di sfrattare un angolo di cultura, tanto importante, quanto lo è quello che offre l'Istituto storico della Resistenza targato interamente “comune di Lucca”?

Nel 2014 hanno visitato il museo 15 mila persone, in soli 28 giorni. Dove sta quindi il problema di Tambellini visto che, in questo momento, avrebbe ben altri vuoti da colmare?

Tra l'altro la delibera di giunta, del 30 dicembre, che revoca la convenzione è stata pubblicata sull’albo pretorio, ma l'associazione non è ancora stata avvisata dell'imminente sfratto.
“Lo abbiamo saputo dalla stampa – dice, a nome dell'associazione, il direttore Andrea Giannasi – Come ci muoviamo? Partiamo dal presupposto che, fino a quando il comune non ci dirà nulla, rimarremo nelle nostre stanze. Non sappiamo tra l'altro con chi dobbiamo parlare. Possiamo dire comunque che siamo a totale disposizione del comune in maniera serena. Abbiamo da sempre messo al primo posto dialogo e confronto".

"Se siamo disposti ad andarcene? Si - risponde convinto - se arriverà la comunicazione ufficiale. Ci saranno poi sei mesi di tempo”. Ma non sarà una dipartita serena quella dell'associazione, dal momento che, se Tambellini ordina lo sfratto, dovrà fare i conti con delle inadempienze certifcate. A partire dal fatto che l'attuale amministrazione non avrebbe ancora dato, all'associazione, l'agibilità che le spetta, secondo la convenzione stipulata con Favilla".

“Il comune non ha ottemperato alla convenzione fino ad oggi – spiega Giannasi – E' un pasticcio gigantesco e sono convinto che appena la magistratura ci metterà le mani bloccherà ogni cosa. Posso solo farmi portavoce del rammarico dell'associazione perché questo è un museo che parla a tutti, che racconta la guerra per costruire la pace senza bandiere”. L'amministrazione di centrosinistra però, la quale pensa che la Resistenza l'abbiano fatta solo i partigiani rossi, sarebbe, secondo quanto denunciato dalla stessa associazione in questi anni, non solo venuta meno agli accordi, ma avrebbe, addirittura, letteralmente ostacolato in tutti i modi l'attività del Museo.

“Politicamente dà fastidio alla sinistra – spiega l'associazione - I motivi sono personali, di gelosie. C'è dietro la storia personale di qualcuno che vorrebbe prendersi il museo. E' un passaggio culturale orrendo, dittatoriale, è stalinismo puro”.

“Dove porteremo le nostre collezioni? Ancora non lo sappiamo, sentiremo se qualche Fondazione a Lucca è disposta ad ospitarci e, se non fosse possibile, chiediamo a tutti i comuni della provincia se vogliono questo museo. Ci dev'essere un comune disposto ad accoglierci. Altrimenti faremo richiesta a livello nazionale”.


 Successivamente da “Il Tirreno” del 14 aprile 2015

Liberazione, il museo va avanti da solo

Definiti orari e attività. «In futuro lo affideremo agli studenti»



Purtroppo, però, abbiamo visto ieri come stanno le cose in realtà.

La Redazione

 


lunedì 14 settembre 2015

IL MUSEO CHE NON C’E’




“Seconda stella a destra, questo è il cammino … e poi dritto, fino al mattino. Poi la strada la trovi da te, porta al … Museo che non c’è!” verrebbe da canticchiare, parafrasando la ben nota canzone di Edoardo Bennato quando si pensa al Museo della Liberazione di Lucca. E’ un Museo al quale sono personalmente affezionata in quanto a suo tempo fui incaricata da Carlo Gabrielli Rosi, che ne aveva curato l’allestimento originario, di repertare fotograficamente quanto ivi contenuto, pensando di farne un catalogo, magari da mettere su Internet perché, malgrado l’età avanzata, Rosi era di mente vivace e veloce, aperto a qualsiasi innovazione che avrebbe potuto aiutare in qualche modo la divulgazione del contenuto di quel Museo. E’ cosi’ che mi parlò anche della Bandiera della Formazione, quella bandiera con l’asta rotta da un colpo di pistola durante una battaglia, bandiera che però in ben altra commemorazione ufficiale, fu rifiutata perché ne era stata fatta una nuova, addirittura con i caratteri dorati: forse più bella esteticamente, ma più vuota di significato rispetto a quella originale.

Dicevo, quindi, che tanto caro mi fu questo Museo, da averne parlato ad amici di Milano, anch’essi appassionati di storia nonché con lo stesso nome familiare, tanto da averli incuriositi e così, desiderosi di visitare quello che, nel frattempo, era diventato un Museo con tutti i crismi, con tanto di sito Internet ed apertura nelle Notti Bianche, si erano apprestati a contattare la struttura per fissare una visita. Con mio sommo stupore i miei amici mi dicono che nessuno ha risposto alla loro mail e che il numero che compare sul sito risulta inesistente. Ma si sa, a volte chi è molto impegnato e si perde nella Storia, è passibile di dimenticanza nell’aggiornare le pagine web e così mi attivo per trovare un altro modo per contattare l’attuale responsabile del Museo. Riesco nell’impresa, i miei amici concordano un appuntamento ed entusiasti mi comunicano che proprio nel giorno della festività della Santa Croce, andranno a visitare questo Museo, così ci diamo appuntamento lì.

Passano 10 minuti, poi mezz’ora, quindi un’ora… il ritardo si fa imbarazzante, anche perché al mio arrivo trovo in fila un discreto gruppetto di turisti interessati anche loro alla visita e che ci guardano speranzosi che, se noi siamo lì, allora sì, il Museo aprirà … ma poi se ne vanno delusi dall’inutile attesa. Ovviamente il responsabile risulta irreperibile, ha messo la segreteria telefonica e a niente valgono i nostri messaggi lasciati nella speranza di una vana risposta. Così alla fine ce ne andiamo, con grande delusione. Osserviamo che anche l’insegna del Museo ha subito un atto dovuto alla scarsa presenza di personale: qualcuno ha lanciato là sopra della vernice nera (e  questo apprendiamo risalirebbe addirittura al 2014!) dimostrando, oltre che di aver fatto un gesto assolutamente riprovevole, di non aver capito che si può cancellare qualcosa che esiste, non qualcosa che, come nella canzone di Bennato, probabilmente si trova soltanto … nell’Isola che non c’è, come, a quanto pare, anche questo Museo sempre inesorabilmente chiuso.

Laura Poggiani